Statuto

STATUTO

 Art. 1 - COSTITUZIONE

Per iniziativa di un gruppo di cittadini è liberamente costituita un'Associazione laica, democratica, apartitica, senza fini di lucro, con la denominazione "GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert".

"GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert" elegge la propria sede, a tempo indeterminato, a Pignataro Maggiore (CE), alla via A. Iannotta, 4.

Art. 2 - FINALITÀ

"GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert" ha per scopo di:

  • Promuovere la cultura della progettazione/innovazione, della qualità, dell’ambiente, della sicurezza, dell’etica e dei Sistemi di Gestione fra le organizzazioni e fornire alle stesse servizi di addestramento specializzato e accreditato;
  • Certificare i sistemi di gestione aziendale;
  • Verificare e certificare la sicurezza degli impianti;
  • Promuovere la cultura della progettazione/innovazione, della qualità, dell’ambiente, della sicurezza, dell’etica in ambito HACCP;
  • Sensibilizzare l’opinione pubblica, ed in particolare i giovani, ai valori della cultura e di tutte le sue manifestazioni;
  • Valorizzare le risorse culturali e tutte le forme ed espressioni artistiche presenti in loco;
  • Organizzare convegni, conferenze, rassegne, mostre inerenti alla storia dei comuni della Campania;
  • Promuovere attività divulgative ed espositive per far conoscere il patrimonio storico, artistico e culturale locale;
  • Sensibilizzare la cittadinanza ai valori della solidarietà sociale attraverso opere di volontariato.

Art. 3 - ORGANIZZAZIONE

Sono soci della "GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert":

1) l'Assemblea dei Soci;

2) il Consiglio Direttivo;

3) il Presidente;

4) il Vice Presidente;

5) il Segretario;

6) il Tesoriere;

7) Consiglieri.

Art. 4 - I SOCI

Possono iscriversi a "GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert" tutti i cittadini maggiorenni che dividono le finalità dell'Associazione.

L'iscrizione a "GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert" comporta l'accettazione del presente statuto e:

  • il versamento della quota sociale annuale stabilita dal Consiglio direttivo;
  • l'impegno alla partecipazione diretta, personale, spontanea e gratuita alla realizzazione delle iniziative dell'associazione.

I soci cessano di appartenere all'Associazione:

  • per dimissioni volontarie;
  • per comportamenti non compatibili con i Codici civili e Penale e con il presente Statuto, sentito il parere obbligatorio e vincolante del Collegio del Consiglio direttivo;
  • per mancato versamento della quota annuale nei tre mesi successivi alla scadenza.

Art. 5 - L'ASSEMBLEA DEI SOCI

L'Assemblea è formata da tutti i Soci in regola con il versamento delle quote sociali. Essa si riunisce in seduta ordinaria una volta l'anno, entro il mese di aprile, per approvare il consuntivo dell'anno precedente, la situazione finanziaria, nonché gli obiettivi e gli indirizzi principali dell'attività associativa per l'anno sociale.

Ogni Socio nell’Assemblea ha diritto ad un voto; può inoltre esprimere un secondo voto per delega scritta di altro socio assente. I nuovi soci "ordinari" avranno diritto al voto in Assemblea solo dopo 2 anni dall'iscrizione a libro soci, qualora non ammessi all'unanimità del Collegio del Consiglio Direttivo.

L'assemblea si riunisce inoltre in seduta straordinaria:

  • per eleggere il Consiglio direttivo, o per votarne la decadenza;
  • per apportare modifiche al presente statuto;
  • per deliberare l'eventuale scioglimento dell'Associazione;
  • su richiesta del Presidente o, in sua assenza, del Vice Presidente in circostanze di rilevante gravità;
  • su richiesta del Consiglio direttivo in circostanze di rilevante gravità;
  • su richiesta di almeno un decimo dei Soci in regola in circostanze di gravità.

La convocazione dell'Assemblea deve essere notificata ai Soci con almeno cinque giorni di preavviso, e con indicazione dell'ordine del giorno, del luogo, della data e dell'orario.

Le riunioni dell'Assemblea sono valide in prima convocazione quando siano presenti o rappresentati per delega la metà più uno dei Soci in regola con il versamento della quota annuale e che abbiano diritto al voto; in seconda convocazione, qualunque sia il numero dei presenti.

L'Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio direttivo, assistito dal segretario. Le determinazioni dell'Assemblea sono assunte con il voto della maggioranza semplice (la metà più uno) dei soci in regola presenti.

Oltre le Assemblee ordinarie e straordinarie, nel corso dell'anno sociale sono previste ed auspicate frequenti riunioni informale dei Soci, nelle quali discutere proposte da portare senza vincolo all'attenzione del Consiglio direttivo. Da questo punto di vista l'Assemblea è l'organismo propulsivo di tutte le iniziative dell'Associazione, ed il primo responsabile del conseguimento delle finalità che l'Associazione stessa propone.

Art. 6 - IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio direttivo è composto dal Presidente, dal vice Presidente, dal Segretario e dal Tesoriere. Le prestazioni degli eletti sono gratuite, fatto salvo l'eventuale rimborso delle spese.

Il Consiglio direttivo elegge al proprio interno il Presidente, il Vice Presidente, il segretario ed il Tesoriere.

All'inizio di ogni anno sociale, e comunque entro il mese di febbraio, il Consiglio direttivo, tenendo conto anche delle proposte dei Soci, presenta all'Assemblea un programma di attività per l'anno entrante, e stabilisce la quota sociale annuale di iscrizione all'Associazione.

Il Consiglio direttivo si riunisce ogni volta che le esigenze lo richiedono, e promuove il raggiungimento degli obiettivi e l'attuazione delle iniziative deliberate o comunque proposte dall'Assemblea dei Soci. Dei risultati raggiunti il Consiglio dà relazione all'Assemblea nella riunione ordinaria annuale immediatamente successiva.

Le riunioni del Consiglio direttivo sono valide quando sono presenti almeno la metà dei membri in carica.

Il Consiglio direttivo delibera a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente o, in sua assenza, del Vice Presidente.

I membri del Consiglio direttivo sono rieleggibili.

I membri del Consiglio direttivo rimangono in carica per la durata di anni sette, rinnovabili tacitamente per altri sette.

Per qualsiasi modifica degli organi del Consiglio direttivo è necessario il voto dei 2/3 del Consiglio stesso.

Art. 7 - IL PRESIDENTE

Il Presidente è eletto all'unanimità dal Consiglio direttivo.

Egli rappresenta legalmente l'Associazione, resta in carica sette anni rinnovabili tacitamente per altri sette, e provvede a:

  • convocare, con almeno cinque giorni di preavviso, le riunioni ordinarie e straordinarie dell'Assemblea dei Soci;
  • convocare, con almeno tre giorni di preavviso, le riunioni del Consiglio direttivo;
  • promuovere e coordinare l'attività dell'Associazione e del Consiglio direttivo;
  • curare gli adempimenti previsti dalle leggi;
  • intrattenere rapporti con gli Enti pubblici e con le altre Associazioni;
  • sottoscrive, insieme al Tesoriere, le reversali di incasso e i mandati di spesa per conto dell'Associazione;
  • sottoscrivere, insieme al Segretario, i verbali dell'Assemblea dei Soci e del Consiglio direttivo.

Art. 8 - IL VICE PRESIDENTE

Il Vice Presidente è eletto su proposta del Presidente e a maggioranza semplice dal Consiglio direttivo al proprio interno. Resta in carica per la durata di anni sette, tacitamente rinnovabili per altri sette. Egli collabora con il Presidente nello svolgimento dei compiti a quest'ultimo assegnati dallo Statuto. Lo sostituisce ad ogni effetto in caso di suo temporaneo impedimento.

Art. 9- IL SEGRETARIO

Il segretario è eletto a maggioranza semplice dal Consiglio direttivo al proprio interno. Resta in carica anni sette, tacitamente rinnovabili per altri sette. Egli, attenendosi alle indicazioni del presidente, si occupa di:

  • provvedere al disbrigo della corrispondenza;
  • curare la conservazione degli atti d'archivio;
  • tenere aggiornato lo schedario dei Soci;
  • redigere su apposito registro, e sottoscrivere insieme al Presidente, i verbali delle riunioni del Consiglio direttivo;
  • redigere su apposito registro, e sottoscrivere insieme al Presidente, i verbali delle riunioni dell'Assemblea dei Soci;
  • notificare agli interessati le convocazioni del Consiglio direttivo e dell'Assemblea dei Soci.

Art. 10 - IL TESORIERE

Il tesoriere è eletto su proposta del Presidente all'unanimità dal Consiglio direttivo al proprio interno. Resta in carica anni sette, tacitamente rinnovabili. Egli, attenendosi alle indicazioni del Presidente e del Consiglio direttivo, procede a:

  • disporre il bilancio preventivo annuale e quello delle singole iniziative dell'Associazione, avendo cura che in nessun caso gli impegni di spesa eccedono le disponibilità di bilancio;
  • redigere il bilancio consuntivo annuale;
  • compilare e tenere aggiornato un registro dal quale risultino tutte le entrate e le spese dell'Associazione, nonché il relativo saldo;
  • sottoscrivere, insieme al Presidente, le reversali di incasso ed i mandati di spesa per conto dell'Associazione;
  • archiviare per almeno un triennio le pezze giustificative di incassi e spese;
  • intrattenere rapporti con i Comuni del Basso Volturno, con Enti, Banche e Sponsor al fine di ottenere contributi;
  • riferire all'Assemblea annuale dei Soci sulla situazione finanziaria dell'Associazione.

Art. 11- IL CONSIGLIERE

Il Consigliere è nominato su proposta del Presidente, a maggioranza semplice del Consiglio Direttivo, resta in carica per anni sette rinnovabili tacitamente per altri sette. Egli presiede la Commissione disciplinare composta dal Presidente, Vice Presidente, Segretario e Tesoriere nonché da altri quattro membri del Consiglio Direttivo, da lui stesso individuati, in considerazione delle doti morali e del contegno osservato durante lo svolgimento della vita dell'Associazione, per la definizione di eventuali procedimenti disciplinari a carico di soci che adottino condotte contrarie allo statuto dell'Associazione ed allo spirito ad esso sotteso.

Art. 12 - LE ENTRATE

Le entrate dell'Associazione sono costituite da:

  • quote versate dai soci;
  • contributi di Comuni, Enti pubblici, Banche;
  • contributi di sponsor e di privati;
  • donazioni.

Art. 13 - SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE

In caso di scioglimento de GLOBAL MANAGEMENT PRODUCT & INNOVATION Cert deliberato dall'Assemblea dei Soci, questa eleggerà a maggioranza (tre quarti dei presenti) due liquidatori, i quali provvederanno, dopo il saldo di tutte le pendenze, ad assegnare l'attivo dell'Associazione ed enti umanitari ed assistenziali operanti nella Provincia di Caserta.

 Art. 14 - AMMISSIONE SOCI

L'ammissione di nuovi Soci, su richiesta scritta dell'interessato, deve essere approvata da almeno il novanta per cento dei membri del consiglio direttivo. In mancanza, e a condizione che l'ingresso del nuovo socio sia approvato a maggioranza del Consiglio Direttivo, il socio è ammesso con riserva, pertanto acquisirà il diritto di voto solo dopo due anni dall'iscrizione nel libro soci.

Art. 15 - MODIFICHE ATTO COSTITUTIVO

Ogni modifica delle condizioni previste dall'atto costitutivo deve essere approvata da tanti membri dell'Assemblea che rappresentano almeno i 2/3 della stessa sia in prima che in seconda convocazione.

Art.16 - DISPOSIZIONE FINALE

Per quanto non previsto nel presente Statuto si applicano in quanto applicabili le disposizioni del Codice Civile.

Approvato dall’Assemblea il 12 dicembre 2020.

 

Nuovo Statuto GMP&I